• Dermatologia Medica

    Dermatologia Medica

    Diagnosi e trattamento
    delle patologie della pelle degli adulti

    Read more

  • Dott.ssa Irina Poleva

    Dott.ssa Irina Poleva

    Specialista in Dermatologia
    e Malattie Veneree

    Read more

  • Dermatologia Chirurgica

    Dermatologia Chirurgica

    Trattamento di iperidrosi ascellare
    e palmare con tossina botulinica

    Read more

  • Dermatologia Medica

    Dermatologia Medica

    Diagnosi e trattamento
    delle patologie della pelle degli adulti

    Read more

  • Dermatologia Pediatrica

    Dermatologia Pediatrica

    Diagnosi e trattamento delle patologie
    della pelle dei bambini

    Read more

Poleva facebook icon Poleva linkedin icon

Dermatologia Medica

Acne

L’acne è uno dei disturbi cutanei più diffusi; colpisce soprattutto i giovani a cominciare dai 12-13 anni ma può presentarsi anche dai 30 anni in avanti. Questa dermatosi in molti casi tende a scomparire da sola dopo un certo numero di anni, però, se non curata, rischia di segnare la pelle con profonde cicatrici.
 
Le cause di questa patologia sono molteplici (genetici, ormonali, alimentari, neuro-vegetativi, etc.), quindi per una cura efficace è indispensabile individuare fattori determinanti caso per caso attraverso una visita accurata, analisi, accertamenti strumentali.
 
Nel nostro studio oltre alle tradizionali terapie topiche e sistemiche, si praticano alcune tecniche (utilizzate dalla scuola dermatologica francese) che permettono un veloce miglioramento della sintomatologia e dell’aspetto estetico.
 
Durante la visita avremo modo di parlare di tanti falsi miti relativi a questo disturbo estetico.

Acne Rosacea

L'acne rosacea, o più semplicemente rosacea, è una malattia infiammatoria cronica della pelle che colpisce prevalentemente la parte centrale del viso (guance, naso, fronte). La pelle del volto si presenta arrossata con papule, pustole e teleangectasie.
Oltre ai problemi cutanei, la rosacea può provocare, seppur raramente, manifestazioni oculari (es. blefarocongiuntivite) e cheratite.

Le cause di insorgenza della rosacea sono sconosciute, ma si ritiene probabile un'origine vascolare legata sia ad una predisposizione genetica sia alla presenza di cause ambientali. La tendenza ad arrossire facilmente in conseguenza a stimoli emotivi (eccitazione, ansia, paura, ecc.), esterni (caldo, freddo, luce solare, sforzi fisici, ecc.) o fisiologici (digestione, ingestione di cibi piccanti, assunzione di bevande alcoliche, vampate della menopausa, ecc.) è considerata un fattore predisponente.

Trattandosi di una dermatosi infiammatoria progressiva, il trattamento farmacologico, di esclusiva competenza del medico (o dermatologo), deve essere iniziato il più precocemente possibile. Se il problema viene sottovalutato o non trattato, la malattia progredisce e può deturpare il volto.
Oltre alle tradizionali terapie della rosacea nel nostro centro pratichiamo alcune metodiche innovative che permettono di ottenere miglioramenti estetici più veloci e duraturi.

Dermatologia pediatrica

 

La Dermatologia Pediatrica si occupa delle malattie della pelle dei bambini.

Tra queste ricordiamo:

- Dermatite atopica
- Dermatite seborroica
- Dermatite da pannolino
- Dermatite da contatto
- Pitiriasi alba
- Angiomi
- Infezioni virali (es: verruche , herpes, mollusco contagioso )
- Infezioni batteriche (es: piodermiti, impetigine contagiosa)
- Infezioni micotiche (es: tigna, candidosi)
- Scabbia
- Pediculosi
- Punture di insetto
- Orticaria
- Acne
- Psoriasi
- Anomalie della pigmentazione (es:Vitiligine)
- Malattie esantematiche (Morbillo, Rosolia, Varicella, Scarlattina, Quinta malattia, Sesta malattia)
- Pitiriasi rosea di Gibert
- Nevi e Melanomi
- Malattie delle unghie (es: unghia incarnita, anomalie ungueali di origine traumatica, infezioni delle unghie)
- Malattie dei capelli ( es: Alopecia traumatica, Alopecia triangolare della tempia, Alopecia occipitale del neonato, Alopecia areata)

Epiluminescenza videodermatoscopia (mappa nei)

 

 

L'epiluminescenza è una metodica non invasiva che permette l'osservazione della pelle attraverso un piccolo microscopio (dermatoscopio). In questo modo tutte le lesioni, ma soprattutto quelle pigmentarie (nei), mostrano caratteristiche che permettono una diagnosi più precisa e accurata.

La videodermatoscopia (detta anche la mappa dei nei) e' una nuova metodica strumentale che completa l'epiluminescenza, fornendo immagini di elevata qualita' ad ingrandimenti variabili.

Le immagini, ottenute mediante una microtelecamera a colori ad elevata risoluzione, possono essere visualizzate su un monitor ed archiviate su un PC.

Questa metodica consente di effettuare diagnosi precoce di tutti i tumori cutanei nonchè di eseguire una mappatura dei nei, particolarmente quelli piu' pericolosi. Inoltre, è possibile analizzare in tempo reale lo stato delle unghie, fare diagnosi in casi di caduta dei capelli, analizzare il tipo di pelle ed il fotoinvecchiamento.

 

Malattie a trasmissione sessuale (malattie veneree)

Le malattie sessualmente trasmissibili (MST), come dice il nome, vengono trasmesse durante l’atto e il contatto sessuale. L’incidenza delle MST nel mondo è in continuo aumento, grazie anche alla maggiore mobilità e all’aumento della tendenza ad avere rapporti sessuali con più partners. Le lesioni e le infiammazioni genitali date dalle diverse MST inoltre aumentano consistentemente il rischio di trasmissione dell’AIDS.

Le MST sono causate da microrganismi che entrano nel nostro corpo superando la sua capacità di resistenza alle infezioni. Quando i germi sono entrati nel corpo si può sviluppare una malattia acuta. Altre volte i germi possono procurare danni che, col passare del tempo, possono diventare permanenti o gravi. I microrganismi possono essere:

  • virus (come nel caso di HIV, epatiti, condilomi, herpes genitale)
  • batteri (gonorrea, sifilide)
  • protozoi (tricomonas)
  • parassiti (pedicolosi).

La maggior parte delle malattie a trasmissione sessuale sono guaribili con terapie appropriate. E’ fondamentale però la diagnosi precoce e il trattamento tempestivo per prevenire alcune possibili conseguenze  più difficili da gestire nel tempo.

Prevenzione tumori cutanei

I tumori della pelle sono i tumori più frequenti nella popolazione bianca. L’11% dei tumori maligni diagnosticati sono tumori cutanei. Esiste un preoccupante aumento di tumori della pelle dovuto ad una serie di fattori che possono aumentare il rischio di sviluppare neoplasie: genetici, ambientali (esposizione solare), immunologici, etc.

Fortunatamente per lo più i tumori cutanei sono facilmente visibili ed individuabili dal paziente stesso, quindi è utile praticare regolarmente un accurato autoesame; ciò permette quasi sempre una diagnosi precoce e quindi una asportazione chirurgica del tumore che porta quasi sempre ad una sicura guarigione.

E' fondamentale sottoporsi regolarmente a controlli dal dermatologo. Prima dell’estate è il momento di fare un check up accurato della pelle in modo da ottenere una diagnosi e una eventuale cura precoce che porti ad una sicura guarigione. E anche un buon momento per avere consigli per un'abbronzatura più sicura.

Nel nostro studio abbiamo una strumentazione all’avanguardia (videodermatoscopio digitale) che ci permette una maggior precisione nella diagnosi di tumori cutanei sia di tipo melanocitico (melanoma) che non melanocitico (epiteliomi, etc).

Dermatologia Chirurgica

Asportazione chirurgica di cisti, nei, tumori cutanei

Asportazione chirurgica di lesioni cutanee (nei, cisti, epiteliomi, melanoma) si effettua in anestesia locale.
In genere è possibile limitarsi ad un'escissione a losanga con una sutura diretta, possibilmente intradermica (senza punti esterni). Se c’è un minimo di dubbio sulla natura della lesione è necessario fare l’esame istologico.

In alcuni casi è possibile eliminare la lesione con diatermocoagulazione oppure laser.

Ovviamente ad ogni atto chirurgico residuerà sempre, anche se spesso poco visibile, una cicatrice.
Quindi, prima di asportare una lesione benigna è sempre opportuno valutare il reale vantaggio estetico che è possibile ottenere.

Trattamento di iperidrosi ascellare e palmare con tossina botulinica

L’iperidrosi (sudorazione eccessiva) e' una condizione caratterizzata appunto da un'eccessiva produzione del sudore in seguito alle emozioni oppure, raramente, in seguito ad alcune patologie. Il disturbo e' di grande impatto sociale e psicologico e spesso pregiudica la stabilita' emotiva di chi ne soffre.

La soluzione a questa delicata problematica viene attualmente raggiunta in maniera efficace grazie ad un trattamento molto meno invasivo della precedente soluzione chirurgica. Basta infatti una seduta di infiltrazione, nella zona interessata, di tossina botulinica per provocare la disattivazione delle ghiandole sudoripare e la conseguente cessazione dell'iperidrosi.
Il trattamento raggiunge la sua massima efficacia dopo qualche giorno dalla seduta, mantenendosi stabile per un periodo di circa 8 mesi. La tecnica infiltrativa utilizzata è particolarmente delicata e avviene tramite un sottilissimo ago.
Non esistono particolari controindicazioni ed il paziente potrà subito riprendere la propria vita quotidiana, più sicuro di sé.

La Dott. Irina Poleva possiede l'addestramento specifico per effettuare il trattamento dell'iperidrosi con il botulino e lo pratica da numerosi anni.

Dermatologia Estetica

Biostimolazione e biorivitalizzazione

 

La biostimolazione è una delle nuove tendenze nella moderna medicina estetica.
L’obiettivo è lottare contro l’invecchiamento cutaneo, in maniera mininvasiva, prima che il danno ed il conseguente difetto estetico sia troppo grave ed avanzato.
La biostimolazione è un trattamento medico-estetico per recuperare e mantenere la giovinezza della pelle, attraverso la ricostruzione/riorganizzazione della sua struttura; la procedura migliora l’elasticità ed il turgore del tessuto cutaneo, aumenta la tonicità e contrasta l’azione dei radicali liberi.

 

La biostimolazione consiste nell'infiltrazione nel derma di sostanze in grado di favorire la produzione di nuovo collagene e tessuto connettivo. Si possono utilizzare svariate sostanze, tutte completamente riassorbibili e biocompatibili, dall'acido ialuronico biostimolante (quindi, diverso dai filler) alle vitamine, aminoacidi, etc.

 

Il trattamento potrebbe essere un po' doloroso, ma è possibile utilizzare un anestetico locale. Il ciclo di trattamenti prevede 1 seduta ogni 2 settimane per un totale di 3-4 sedute seguite da altre 2 sedute a distanza di 1 mese.

 

biostimolazione-roma-prima-trattamentobiostimolazione-roma-dopo-il-trattamento

prima                                    dopo 2 sedute di biostimolazione

Un discorso a parte merita il trattamento con lo Sculptra. E' un prodotto a base di acido poli-L-lattico, una sostanza completamente biocompatibile e riassorbibile nel nostro organismo. Iniettato nel derma profondo e sottocutaneo, stimola la produzione del collagine naturale, quello che perdiamo con gli anni. Questo processo, lento e graduale, permette distendere le rughe (sopratutto quelle più profonde), riempire i solchi, aumentare delicatamente i volumi (dove è necessario, per esempio, nella regione zigomatica). Nell'insieme si ottiene un aspetto più giovane, un ovale del viso più definito e una pelle più turgida e luminosa. Questo risultato è duraturo, potrebbe durare oltre 2 anni.

 

biostimolazione-roma/></p> <p><span style=

Botulino

Anche se per la prima volta la tossina botulinica è stata estratta nel 1895, il suo primo uso in medicina risale all'anno 1989 quando essa è stata autorizzata per il trattamento dello strabismo e del blefarospasmo nei pazienti dai 12 anni in su. Negli anni a seguire il botulino è stato largamente utilizzato per queste ed altre patologie sia negli adulti che nei bambini. Solo nel 2002 la tossina botulinica è stata approvata negli USA dal FDA per uso estetico. Sono seguite le approvazioni degli organi ufficiali in altre 80 paesi del mondo.

L’utilizzo di questo farmaco per scopi estetici è stata la vera novità negli ultimi 10 anni (ogni anno vengono effettuati milioni di trattamenti in tutto il mondo).

 

Si tratta di un prodotto assolutamente innocuo che ha l'effetto di rilassare alcuni muscoli del volto, eliminando le cosiddette "rughe d'espressione" (quelle ad esempio presenti tra le due sopracciglia o a livello della fronte) senza tuttavia modificare la mimica del paziente.

Personalmente preferisco effettuare il trattamento con il botulino in modo soft, ridando al viso aspetto rilassato e fresco, senza bloccare la naturale espressività del volto. Per questo motivo uso quantità minori del farmaco e lo distribuisco in modo personalizzato a seconda delle problematiche del singolo volto.

L’effetto, completamente reversibile, compare dopo circa 5 giorni dal trattamento e dura per un periodo variabile dai 3 ai 5 mesi.
Il trattamento è ambulatoriale, non richiede né un test preventivo né un’anestesia e dura circa mezz’ora.


Fotografie di risultati ottenuti dalla Dott.ssa Poleva sono disponibili in sede di visita medica

Filler

I filler sono sostanze biocompatibili, riassorbibili oppure permanenti, che usiamo nel trattamento delle pieghe (per esempio, naso-geniene),  delle rughe, delle depressioni (anche di tipo cicatriziale, per esempio da varicella o da acne) e per ridare l'ovale naturale al viso.

Sono utilizzati anche per aumentare il volume delle labbra, del mento o degli zigomi.

Nel nostro centro utilizziamo materiali riempitivi (filler) esclusivamente riassorbibili e provenienti da affidabili aziende di produzione (Allergan, Teoxane, Merz Aesthetics).

Il trattamento consiste nell'infiltrazione intradermica o sottocutanea di acido ialuronico che è un prodotto molto ben tollerato dall'organismo visto che fa parte integrante del derma ed è altamente biocompatibile. In alcuni casi, quando si desidera un risultato più duraturo si usa un filler a base di idrossiapatite di calcio.  In entrambi i casi si tratta di prodotti completamente riassorbibili nel medio e lungo periodo.

Non sono necessari test preventivi come per il collageno in quanto i due prodotti non possono dare allergie.

Il trattamento è ambulatoriale, in genere non richiede anestesia, ma è possibile fare anestesia locale su richiesta del paziente.

 

 

 

prima                                                         dopo

Peeling

Il peeling (dall’inglese “to peel” : spellare, levigare, sbucciare) è una terapia di medicina estetica mirata all’esfoliazione della cute.

E' probabilmente il trattamento estetico più antico visto che si conosce dai tempi di antichi greci e romani!

Il peeling medico produce un’esfoliazione che può essere superficiale, media o profonda a seconda della diagnosi e del problema da trattare. Con l’applicazione sulla pelle di una soluzione chimica ad alta concentrazione di sostanza esfoliante vengono rimossi in modo rapido e controllato gli strati superficiali della pelle e viene stimolata la costruzione e la ristrutturazione degli strati più profondi.

Questa procedura aiuta la pelle ad apparire più levigata, distesa e tonica, con un colore più omogeneo ed una luminosità più intensa. Generalmente dopo qualsiasi peeling si applica una crema lenitiva e idratante e si presta una grande attenzione a trattare il viso con dolcezza.

Gli agenti comunemente usati per i peelings chimici sono l’acido tricloracetico, l’acido salicilico e gli alfaidrossiacidi tra cui l’acido glicolico, l’acido piruvico, l’acido citrico, l’acido mandelico. La scelta del tipo di acido, della sua concentrazione e dei tempi di applicazione deve sempre essere fatta dal medico dopo un’accurata diagnosi a cui segue una proposta di trattamento.

Il trattamento richiede circa 30 min, non è particolarmente fastidioso ed è accompagnato dell'eritema più o meno intenso. E' possibile applicare un fondotinta, un correttore per nascondere il rossore che, in genere, non dura più di 2-3 giorni.

 

Terapia sclerosante

 

La scleroterapia consiste nella cura delle varici mediante l'iniezione all'interno della vena varicosa di un farmaco che provoca una reazione infiammatoria a livello della parete interna della vena stessa.

Questa reazione infiammatoria, in termine tecnico “endotelite”, nel giro di qualche giorno/settimana comporta l'obliterazione e la successiva fibrosi (chiusura) della vena stessa.

Questa è una tecnica efficacissima nei soggetti idonei, mentre può risultare pericolosa e deludente negli altri.

In realtà esistono indicazioni precise. La scleroterapia è principalmente indicata per la completa eliminazione delle piccole vene varicose residue all’intervento chirurgico, per quelle non associate a malattia delle vene safene, per le micro-varici e per i capillari.

Nel caso della scleroterapia il paziente deve essere prima sottoposto ad esami del sangue ed in particolare della coagulazione; deve essere eseguito uno studio strumentale della circolazione venosa.

Le sedute vengono realizzate generalmente una volta al mese, non sono dolorose e, se eseguite correttamente e da specialisti esperti, i rischi di lesione o di macchie della pelle sono molto bassi.

Le prime sedute servono allo specialista per valutare la risposta soggettiva del paziente; ogni situazione è diversa e la risposta individuale può variare, pertanto è opportuno che i dosaggi dello sclerosante siano progressivamente crescenti.

Raramente è possibile l’insorgenza di reazioni allergiche.

Dopo la scleroterapia vengono applicate delle creme lenitive e consigliata una calza elastica leggera. Anche nel caso delle telangectasie è stato dimostrato che la compressione ha effetti significativi sui risultati.

Si possono riprendere immediatamente tutte le attività. Ovviamente, non è opportuno sottoporsi alle procedure termiche (sauna, bagno caldo, etc).

Si può avvertire, talvolta, un po’ di dolore per qualche giorno, se si forma un piccolo coagulo nel vaso trattato; ma in poco tempo il coagulo viene riassorbito fino alla chiusura della vena e il dolore scompare.

Talvolta dopo la sclerosi rimane un alone bruno: è il risultato della stasi venosa che ha fatto depositare emosiderina nella pelle; chiuso il vaso, l’alone è più evidente, ma è possibile accelerarne la scomparsa con farmaci specifici.

La scleroterapia non può essere effettuata nei pazienti che presentano spiccate allergie a farmaci, nei pazienti reduci da una recente flebite o una trombosi venosa profonda e nelle pazienti in gravidanza.

Per il rischio di varicoflebite le pazienti in trattamento con anticoncezionali orali (pillola anticoncezionale) dovrebbero sospendere il trattamento almeno due mesi prima si sottoporsi alla scleroterapia.

La scleroterapia non è un trattamento definitivo, spesso, nel corso degli anni i pazienti devono sottoporsi a dei "ritocchi" o a delle nuove sedute che tuttavia, nella maggior parte dei casi, contribuiscono a tenere sotto controllo il problema.



Trattamento Laser

Oggi abbiamo a nostra disposizione i laser più sofisticati e più efficaci rispetto ad alcuni anni fa. Ogni laser ha un'indicazione d'utilizzo specifica, questo permette non solo di aumentare l'efficacia del trattamento, ma anche di abbattere il rischio di effetti indesiderati (collaterali).

Per la cura di capillari, vene, couperose, angiomi, macchie vascolari e per ridurre le cicatrici nello stadio iniziale, si consiglia l'utilizzo delLASER NEODIMIO-YAG.

Il raggio laser colpisce il colore blu e rosso dei capillari senza danneggiare la cute sottostante. Dopo alcuni giorni di rossore la cute torna a essere normale.
Il trattamento è discretamente doloroso, ma i risultati sono molto buoni nei pazienti selezionati.

Per la epilazione attualmente usiamo apparecchiature mediche di provata efficacia:
- laser a diodi,
- luce pulsata (IPL).

L’effetto finale dell'epilazione laser/IPL è di avere una pelle senza peli (o comunque pochissimi e molto più sottili), compatta, morbida, di colorito uniforme e soprattutto senza gli inestetismi che potrebbero prodursi invece con le altre metodiche (macchie cutanee, cicatrici). Inoltre, per chi soffre di follicolite dovuta all'irregolare ricrescita dei peli dopo ceretta o altre metodiche depilatorie, un paio di sedute di epilazione laser/IPL potrebbero risolvere il problema.

Per la rimozione di macchie cutanee ed esiti di  acne si consigliano a seconda del problema presentato dal paziente il LASER ERBIUM oppure NEODIMIO YAG Q-SWITCHED.

Nel primo caso vengono delicatamente rimossi gl strati superficiali dell'epidermide dove si deposita il pigmento o si concentrano le irregolarità cutanee dell'acne. Nel secondo caso viene concentrata in maniera selettiva sulle cellule pigmentate un’intensa energia rilasciata in una frazione di tempo ridottissima, nanosecondi. Il danno del tessuto è minimo, così come la sensazione dolorosa per la quale, non è necessario ricorrere all’anestesia locale.

Per trattare le cicatrici sia da acne che di altra natura oggi abbiamo anche due laser supersofisticati PALOMAR 1540 e CO2 frazionato. Entrambi, con meccanismi diversi, ma sinergici, permettono di rimodellare il tessuto danneggiato, rendendolo più liscio e omogeneo. I tempi di recupero sono contenuti (3-5 giorni).

Fili di sospensione riassorbibili

APTOS

I fili Aptos potrebbero essere definiti i precursori di tutte le metodiche di threadlifting, cioè lifting non chirurgico con i fili di sospensione.

Nel lontano 1996 il famoso chirurgo russo Marlen Sulamanidze, nel tentativo di correggere le asimmetrie del volto dovute all’emiparesi del nervo facciale, inventa i fili di sospensione. Chiama la sua invenzione Aptos (da 2 parole: "anti" e "ptosis") per definire un nuovo mezzo di lotta contro la gravità. Inizialmente i fili Aptos sono realizzati in materiale permanente, non riassorbibile, ma nel 2008, seguendo le richieste del mercato dei trattamenti sempre meno invasivi, nasce la linea riassorbibile, realizzata in caprolattone e acido poli-L-lattico.

Caprolattone è un materiale lungamente conosciuto e utilizzato in chirurgia per suture riassorbibile, quindi è un prodotto sicuro e ben studiato.
Acido poli-L-lattico è un potente stimolante della produzione del collageno approvato dal FDA non solo per trattamenti di correzione della lipoatrofia HIV-indotta, ma dal 2008 anche per uso estetico nei pazienti sani. Fino ad oggi si usava in iniezioni (nome commerciale “Sculptra”), ed ora entra nella composizione dei fili riassorbibili Aptos conferendoli non solo una tangibile capacità liftante, ma anche una notevole azione biostimolante.

La metodica Aptos ha numerose certificazioni internazionali di qualità (15) ed è già utilizzata in 48 paesi del mondo. Sono stati effettuali oltre 1.500.000 trattamenti che decisamente confermano la sicurezza del prodotto.

Quindi, si tratta di fili al 100% biocompatibili, totalmente riassorbibili con una potente azione biostimolante. I fili si riassorbono completamente in 360 giorni, ma l’effetto del trattamento, grazie alla biostimolazione duratura, potrebbe durare oltre 2 anni.

La metodica Aptos è molto eclettica: per ogni paziente e per ogni problematica c’è una soluzione personalizzata. Questo è dovuto al fatto che ci sono 3 linee Aptos e ognuna ha diversi tipologie dei fili.

La prima linea è quella meno invasiva, più semplice da utilizzare, si chiama Aptos "Nano".
E’ composta da 4 tipi di fili differenti (lunghezza 4 o 7 cm, intrecciati o a spirale) che permettono piccole correzioni, discrete e delicate. Questa linea svolge la stessa funzione dei filler tradizionali (per esempio, acido ialuronico), ma ha più vantaggi in quanto si adatta meglio alle zone dinamiche (gli angoli della bocca, la zona tra le sopracciglia, la fronte) e ha una tangibile azione biostimolante.

La seconda, rivoluzionaria, linea Aptos si chiama "Excellence Visage" e "Excellence Body", studiata per creare un’impalcatura per tutto il volto ("Visage") oppure alcune zone del corpo ("Body"). I fili di sospensione "Excellence" sono ricoperti interamente di piccole incisioni laser multidirezionali che permettono una solida fissazione di ogni singolo frammento del filo nei tessuti. Vengono inseriti mediante delle piccole cannule atraumatiche. Le cannule penetrano nel tessuto attraverso un piccolo foro praticamente invisibile già dopo 24-48 ore. E’ un trattamento delicato, il più delle volte senza lividi, che garantisce un discreto effetto lifting, ma soprattutto una duratura e potente biostimolazione delle pelle grazie alle microdosi di acido poli-L-lattico rilasciato durante tutto il periodo di permanenza dei fili nel tessuto (1 anno).

La terza linea Aptos, definita chirurgica, è la linea "Light Lift". Sono dei fili che garantiscono un effetto lifting paragonabile a quello chirurgico, però senza invasività e senza cicatrici che caratterizzano il lifting chirurgico.

 

 

Esistono 3 tipi di fili "Light Lift":

1. "Thread 2G" è composto da un filo con le ancore bidirezionali fissato a 2 aghi incollati alla punta con una colla medica. Questo permette realizzare un unico foro d'entrata, senza creare le antiestetiche depressioni. E' un potente mezzo di rimodellamento della linea mandibolare, riesce a sollevare le guance cadute e ad aprire la piega naso-labiale. Il trattamento è veloce e poco traumatico.

2. "Needle 2G" è realizzato sempre con un filo con delle ancore bidirezionali, questa volta fissati a due aghi in posizione centrale (brevetto mondiale Aptos). Durante l'inserimento del filo (lungo tra l'altro 50 cm!) l'ago non viene mai estratto completamente e viene posizionato sempre allo stesso livello del tessuto sottocutaneo, percorrendo tutti i tragitti che ci servono per sollevare i tessuti ptosici (scesi giù) e fissarli in posizione desiderata. Questo è un metodo che si avvicina tantissimo alla chirurgia tradizionale per i risultati ottenibili, ma è privo dei pericoli della chirurgia e delle cicatrici. E' possibile rimodellare tutte le parti del volto, dalle guance cadenti alla regione mandibolare, dal modellamento del mento al riposizionamento dei tessuti del collo che si avvicina ai risultati del lifting cervicale chirurgico!

3. "Spring" è un filo che forse preferisco in assoluto in quanto riesce a corregere una zona del volto non accessibile nemmeno alla chirurgia: le pieghe della marionetta. Il kit contiene 4 aghi con fili posizionati sopra. Questi fili hanno una forma di spirale e possiedono memoria (tendono a tornare compatti quando sono allungati). L'elasticità della spirale (molla) permette di conservare la naturale espressività del sorriso e della mimica facciale mantenendo le pieghe in posizione sollevata, di fatto, eliminandole!

Per ulteriori informazioni potete contattarmi personalmente.

Fili in polidiossanone (PDO)

Di produzione coreana, questi fili riassorbibili rappresentano, nell’ordine crescente di capacità liftante e biostimolante, il primo gradino che possiamo affrontare per approcciare la metodica dei fili riassorbibili. Il PDO, un materiale conosciuto da decenni in chirurgia, si riassorbe velocemente nel nostro organismo senza creare reazioni infiammatorie o altri tipi di stimolazione (motivo per cui è stato scelto per suturare organi interni e strutture vascolari). Questi fili sono facili da inserire nella pelle dei pazienti (ovviamente dopo un corso pratico), con pochi effetti collaterali (piccoli lividi, arrossamenti, episodi di migrazione, formazione di piccoli noduli temporanei), e soprattutto molto economici, potrebbero essere utili nel ridare un po’ di tono alla pelle flacida attraverso meccanismo di ortoterapia (visto che in genere ne vengono inseriti decine) e un processo di riparazione tissutale che viene innescato dopo un qualsiasi trauma.
Associati ad altre metodiche di medicina estetica potrebbero essere un valido mezzo di prevenzione dell’invecchiamento e della ptosi cutanea.
Durata dell’effetto: alcuni mesi.

Silhouette Soft™

Silhouette Soft™ è un nuovo trattamento mirato a contrastare la perdita di volume e la ptosi della pelle come risultato dell'invecchiamento.

I fili bidirezionali di Silhouette Soft™ sono prodotti negli USA e certificati dalla FDA e CE. Sono composti da sostanze completamente naturali e biodegradabili. Questo trattamento è adatto a tutti i tipi di pelle in quanto non risultano reazioni allergiche ai suoi componenti.

La procedura di inserzione dei fili Silhouette Soft™ è veloce e praticamente indolore, dura circa 30-40 min e il risultato è immediato. Si può ottenere (a seconda delle esigenze e delle problematiche) l'aumento della regione zigomatica, ridefinizione della linea mandibolare, miglioramento della ptosi sottomandibolare e del collo, distensione della pelle in generale con un leggero, ma tangibile effetto lifting.

La durata dei benefici è in funzione al grado di invecchiamento, alla tipologia della pelle e allo stile di vita e in genere si protrae per 12-18 mesi. Silhouette Soft™ è un'ottima integrazione degli altri trattamenti anti-aging che potrebbero essere praticati anche in seguito.

Tra gli effetti collaterali ci potrebbero essere un lieve gonfiore e/o arrossamento che spariscono in pochi giorni. La ripresa delle attività lavorative e sociali è immediata.

Subito dopo il trattamento il viso appare più rilassato e fresco. Il trattamento crea un tangibile ringiovanimento, ma nello stesso tempo mantiene la mobilità e la vivacità dell'espressività faciale.

Non esitate a contattarmi per maggiori informazioni e costi!
Poleva facebook icon
Poleva linkedin icon

Su questo sito sono attivati i cookies per migliorarne l'usabilità e le funzionalità. Cookies Policy