• Dermatologia Medica

    Dermatologia Medica

    Diagnosi e trattamento
    delle patologie della pelle degli adulti

    Read more

  • Dott.ssa Irina Poleva

    Dott.ssa Irina Poleva

    Specialista in Dermatologia
    e Malattie Veneree

    Read more

  • Dermatologia Chirurgica

    Dermatologia Chirurgica

    Trattamento di iperidrosi ascellare
    e palmare con tossina botulinica

    Read more

  • Dermatologia Medica

    Dermatologia Medica

    Diagnosi e trattamento
    delle patologie della pelle degli adulti

    Read more

  • Dermatologia Pediatrica

    Dermatologia Pediatrica

    Diagnosi e trattamento delle patologie
    della pelle dei bambini

    Read more

Poleva mapSTUDIO MEDICO PORTA PIA
Piazzale di Porta Pia 116, 00198 Roma

Tel 0644250068
Cell 338.8473415


Per fissare un appuntamento
chiamare dalle 10 alle 18
dal lunedi' al venerdi'

Poleva facebook icon Poleva linkedin icon

Uomo super-organismo: microbioma e il secondo genoma umano.

Il post che sto per scrivere è frutto di un’incredibile esperienza ed emozione vissute recentemente (1 mese fa), quando per la prima volta sono entrata in contatto con il concetto del microbioma.



Il termine “microbioma” non era nuovo per me, da circa un anno mi capitava di leggere pubblicazioni relative alla possibilità di curare gravi infezioni resistenti all’antibioticoterapia mediante il cosidetto “trapianto del microbioma”. Ma solo 1 mese fa ho deciso di fare un corso FAD incuriosita dal titolo “Alla scoperta del "Secondo Genoma Umano": il microbioma tra salute e malattia” . Questo corso mi ha emozionanto profondamente, aggiungendo dei tasselli di conoscenza nell’enorme puzzle del nostro concetto della salute e della malattia, concetto che probabilmente subirà incredibili cambiamenti nei prossimi anni.



Di cosa si tratta?

Tutto parte da una ricerca fatta negli Stati Uniti che è durata circa 10 anni e che ha permesso di “mappare” tutti i microorganismi simbioti (batteri buoni che vivono nel nostro corpo), fuori e dentro di noi (quasi come nella canzone di Gatto Panceri J). Questi microorganismi si nutrono di quello che noi offriamo a loro dandoci in cambio alcune sostanze da loro prodotte che ci aiutano nei processi metabolici.



La somma dei microorganismi simbioti e i loro geni rappresenta il MICROBIOMA.

Sembrerebbe che il ruolo di questa nuova entità nel mantenimento della nostra salute sia determinante. Il microbioma non solo aiuta a migliorare tantissimi processi metabolici, ma è in grado di effettuare cosidetta trasmissione genetica orizzontale, cioè, possono modificare i geni che noi abbiamo dalla nascita cedendo i propri geni alle nostre cellule umane, garantendoci un’incredibile possibilità di adattamento all’ambiente esterno in tempo reale! Altro che evoluzione darwiniana! I cambiamenti che avvengono nel nostro genoma in questo modo sono tra l’altro trasmissibili dai genitori ai figli.

Prendo un attimo di respiro: l’idea che anche mentre sto scrivendo questo articolo c’è qualcuno che sta migliorando il mio partimonio genetico è entusiasmante!

Certamente loro, i batteri, non lo fanno per puro spirito di amore nei confronti dell’umanità, sanno che dalla nostra salute dipende la loro sopravvivenza.

La portata di questa scoperta è dimostrata da alcuni numeri:

1.   Nel nostro corpo ci sono 10 trilioni (1019) di cellule umane e 100 trilioni (1020) di batteri, significa che per ogni cellula umana ci sono 10 cellule batteriche!

2.   Il nostro patrimonio genetico ha circa 20 mila geni di provenienza umana, ma la quota di quelli che provengono dai batteri è a 10 milioni! Significa che nel nostro genoma c’è solo 1% dei geni umani, altri 99% sono batterici!!!

Quindi, siamo un super-organismo con una capacità evolutiva incredibile!

Tutto ciò è stupefacente, ma qual è il risvolto pratico?

Ce ne sono tantissimi…


Sembrerebbe che la composizione del microbioma intestinale sia determinante per sviluppare malattie di tutti i tipi, dalla sindrome metabolica alle malattie autoimmuni, dall’obesità alla depressione (sic!), dallo sviluppo del cancro alle malattie cardiovascolari. E siamo solo all’inizio!

Sì, la ricerca è solo all’inizio, ma i suoi frutti daranno un contributo determinante alla nostra comprensione della salute, della malattia e dei modi per mantenerci sani.

A tal proposito ci tengo molto a farvi sapere que l’Italia è uno dei 3 paesi del mondo in cui questo tipo di ricerca è all’avanguardia! Altri due sono gli USA e la Cina.

Il progetto si chiama Progetto Microbioma Italiano. E’ finanziato attraverso crowd-funding, metodo innovativo di raccolta di fondi attraverso partecipazione e contributo dei singoli cittadini oppure organizzazioni.

Credo che sia interesse di tutti noi aiutare questa ricerca, dare il proprio contributo per accellerare il processo della conoscenza. Chi vuole approfondire questo argomento può andare qui www.progettomicrobiomaitaliano.org.



Questo è il primo post dedicato al microbioma, seguiranno altri e vi consiglio di non perderli, ci sono già delle novità che possiamo applicare nella pratica medica, in particolare per la cura delle malattie della pelle!

Contattatemi per ogni altra informazione!

Poleva facebook icon
Poleva linkedin icon