• Dermatologia Medica

    Dermatologia Medica

    Diagnosi e trattamento
    delle patologie della pelle degli adulti

    Read more

  • Dott.ssa Irina Poleva

    Dott.ssa Irina Poleva

    Specialista in Dermatologia
    e Malattie Veneree

    Read more

  • Dermatologia Chirurgica

    Dermatologia Chirurgica

    Trattamento di iperidrosi ascellare
    e palmare con tossina botulinica

    Read more

  • Dermatologia Medica

    Dermatologia Medica

    Diagnosi e trattamento
    delle patologie della pelle degli adulti

    Read more

  • Dermatologia Pediatrica

    Dermatologia Pediatrica

    Diagnosi e trattamento delle patologie
    della pelle dei bambini

    Read more

Poleva mapSTUDIO MEDICO PORTA PIA
Piazzale di Porta Pia 116, 00198 Roma

Tel 0644250068
Cell 338.8473415


Per fissare un appuntamento
chiamare dalle 10 alle 18
dal lunedi' al venerdi'

Poleva facebook icon Poleva linkedin icon

Il sole e' un amico?

 Con l’arrivo della stagione del mare compaiono nuove malattie cutanee.
Nel post precedente ho parlato dell’allergia al sole. Questa volta vorrei ricordare reazioni cosiddette fototossiche.
In Italia l’età media della popolazione va crescendo gradatamente. Beh, questo fenomeno, che ritengo positivo, è dovuto alla buona alimentazione mediterranea, alla possibilità di consumare vino rosso di qualità e, anche se qualcuno non sarà d’accordo, alla qualità dell’assistenza sanitaria italiana. 

Il progresso nell’ambito della ricerca medica ci permette di correggere quasi tutte le condizioni morbose degenerative, cioè dovute all’età: diabete, pressione alta, malattie cardio-circolatorie, etc.  Come medico osservo tutti i giorni la quantità di medicine che consumano i miei pazienti, talvolta è sorprendente! Questi due fattori (una notevole rappresentazione della fascia degli anziani e un consumo elevato di farmaci) fanno sì che aumentino anche le reazioni avverse legate all’utilizzo degli ultimi. C’è da dire che anche tra i giovani il consumo dei farmaci è in aumento per colpa dello stile di vita sedentario, dell’alimentazione disordinata e delle abitudini nocive (fumo, lampade solari, etc.).

 

Questa lunga premessa serviva per spiegare perchè abbiamo un notevole aumento delle reazioni avverse ai farmaci. Tra tutte le reazioni l’8 % è rappresentato da fotosensibilizzazioni.  La fotosensibilizzazione al  farmaco nella stragrande maggioranza dei casi si manifesta come una reazione fototossica.

 

Cosa succede? Dopo l’assunzione oppure l’applicazione del farmaco fotosensibilizzante si sviluppa una reazione cutanea nel periodo di tempo che varia da 30 min a 24 ore. Si tratta il più delle volte di un’eruzione eczematosa con un intenso prurito. Questa eruzione è localizzata nella zona corporea esposta al sole, ma talvolta può diffondersi oltre.

 

La cura della reazione fototossica è ben  codificata, tuttavia potrebbe richiedere parecchio tempo e non essere definitiva.

I farmaci implicati in questa situazione sono numerosi, prevalentemente antibiotici e antiinfiammatori, ma anche altri (inibitori di ricaptazione di serotonina, ansiolitici, alcuni anti ipertensivi, etc.).

Come possiamo evitare questa fastidiosa condizione? Prima di tutto bisognerebbe controllare che i farmaci che noi usiamo in modo continuativo non abbiano effetti fotosensibilizzanti conosciuti. Il secondo momento da ricordare è quello di non esporsi al sole se abbiamo utilizzato un farmaco nuovo e non conosciamo la reazione dell’organismo.   E la terza cosa da tener presente è quella di correre dal medico appena sospettiamo una reazione fototossica da farmaci: potrebbe essere pericolosa, ma, soprattutto, una cura tempestiva permette una risoluzione del problema più veloce e a minor rischio delle recidive.

Come sempre potete contattarmi per ulteriori informazioni.

Poleva facebook icon
Poleva linkedin icon