• Dermatologia Medica

    Dermatologia Medica

    Diagnosi e trattamento
    delle patologie della pelle degli adulti

    Read more

  • Dott.ssa Irina Poleva

    Dott.ssa Irina Poleva

    Specialista in Dermatologia
    e Malattie Veneree

    Read more

  • Dermatologia Chirurgica

    Dermatologia Chirurgica

    Trattamento di iperidrosi ascellare
    e palmare con tossina botulinica

    Read more

  • Dermatologia Medica

    Dermatologia Medica

    Diagnosi e trattamento
    delle patologie della pelle degli adulti

    Read more

  • Dermatologia Pediatrica

    Dermatologia Pediatrica

    Diagnosi e trattamento delle patologie
    della pelle dei bambini

    Read more

Poleva mapSTUDIO MEDICO PORTA PIA
Piazzale di Porta Pia 116, 00198 Roma

Tel 0644250068
Cell 338.8473415


Per fissare un appuntamento
chiamare dalle 10 alle 18
dal lunedi' al venerdi'

Poleva facebook icon Poleva linkedin icon

Allergia al sole esiste?

In questo periodo dell’anno nel mio studio affluiscono numerosi pazienti con prurito.  Alcuni mi chiamano allarmati anche al telefono, lamentando rossore, bollicine ed intenso prurito apparsi dopo un’esposizione al sole.

Di cosa si tratta?
Di fatto si tratta di malattie della pelle dovute al sole, si chiamano luciti. Ci sono svariati tipi di lucite: lucite estiva benigna, lucite polimorfa, fotodermatosi giovanile primaverile, orticaria solare, etc.
Tutte queste malattie sono scatenate dall’esposizione solare e compaiono  da pochi minuti a 12-24 ore dopo l’esposizione stessa.
Il più delle volte la condizione è benigna e si risolve nell’arco di poche settimane. La diagnosi per il dermatologo in genere non presenta difficoltà. Tuttavia, in alcuni casi nasce il bisogno di confermare la diagnosi clinica attraverso i test fotobiologici oppure, raramente, mediante una biopsia cutanea.

 

La più frequente e anche la meno pericolosa è la lucite estiva benigna. Caratteristicamente sorge dopo circa 12 ore dall’esposizione (il più delle volte dopo la prima esposizione della stagione) e colpisce le sedi anatomiche normalmente protette dai vestiti: il petto, gli avambracci, il dorso dei piedi. Curiosamente la lucite estiva benigna praticamente sempre risparmia il viso, un fatto raro tra le fotodermatosi. Appunto dopo la prima esposizione compaiono piccole papule pruriginose nelle zone sovraindicate. Senza trattamento tende a regredire lentamente in 12-14 giorni. In genere le successive esposizioni al sole non creano problemi. Tuttavia, l’anno seguente alla ripresa della stagione del mare l’eruzione potrebbe ricomparire.

Una preparazione specifica  alla stagione estiva prescritta dal dermatologo potrebbe alleviare o addirittura prevenire l’insorgenza di questa malattia. Ovviamente deve essere cominciata parecchie settimane prima dell’estate.

Altre fotodermatosi richiedono un esame clinico accurato e, talvolta, metodiche diagnostiche supplementari e cui seguirà una terapia specifica, diversa per ogni caso.

Cosa possiamo fare per prevenire oppure rendere meno fastidiosa la fotodermatosi?

La risposta è semplice! Evitare il sole e adottare le regole di una rigida fotoprotezione.

Allora ho un’allergia al sole? –chiedono alcuni pazienti. Beh, sì, è così, anche se un meccanismo esatto di queste patologie ancora non è ben conosciuto.

Avendo allergia alle arachidi, cerchiamo maniacalmente di evitarli . Lo stesso atteggiamento sarebbe logico aspettare da chi soffre di allergia al sole (fotodermatosi). Purtroppo non sempre succede così, è talmente difficile tenersi lontani dalle dorate spiagge di Ostia e  dal mare cristallino di Fregene! Ecco perché ho pensato di scrivere un articolo dedicato proprio a come “SVILUPPARE UN'ABBRONZATURA PIù INTENSA E MENO PERICOLOSA” che potete consultare qui.

Come sempre, potete contattarmi direttamente per ogni altra informazione.

Buona estate!

Poleva facebook icon
Poleva linkedin icon