• Dermatologia Medica

    Dermatologia Medica

    Diagnosi e trattamento
    delle patologie della pelle degli adulti

    Read more

  • Dott.ssa Irina Poleva

    Dott.ssa Irina Poleva

    Specialista in Dermatologia
    e Malattie Veneree

    Read more

  • Dermatologia Chirurgica

    Dermatologia Chirurgica

    Trattamento di iperidrosi ascellare
    e palmare con tossina botulinica

    Read more

  • Dermatologia Medica

    Dermatologia Medica

    Diagnosi e trattamento
    delle patologie della pelle degli adulti

    Read more

  • Dermatologia Pediatrica

    Dermatologia Pediatrica

    Diagnosi e trattamento delle patologie
    della pelle dei bambini

    Read more

Poleva mapSTUDIO MEDICO PORTA PIA
Piazzale di Porta Pia 116, 00198 Roma

Tel 0644250068
Cell 338.8473415


Per fissare un appuntamento
chiamare dalle 10 alle 18
dal lunedi' al venerdi'

Poleva facebook icon Poleva linkedin icon

PROTEZIONE SOLARE ESTREMA: REALMENTE ABBIAMO BISOGNO DI APPLICARLA OGNI GIORNO?

 

Le temperature alla fine sono salite al livello adeguato alla stagione, tutti abbiamo voglia di uscire e dare il benvenuto al caldo con i bramati bagni di sole.

Ma è una cosa  del tutto ragionevole? Veramente possiamo lasciarci andare a briglie sciolte nel nostro desiderio della tintarella?

 

Di fatto sappiamo che:

-      una breve esposizione quotidiana al sole è salutare;

-      l’abbronzatura naturale protegge la pelle dall’ulteriore danno solare;

-      l’esposizione solare quotidiana è necessaria ai fini di mantenimento dei livelli della vit. D.

 

Tuttavia, ogni volta che noi prendiamo un po’ di raggi UV, facciamo danno alla nostra pelle.

Un nuovo studio pubblicato da JAMA Dermatology (una rivista medica americana molto autorevole) dimostra che anche una bassa dose dei raggi UV-A1 sulla pelle chiara può attivare processo di rottura di fibre di collagene della pelle. Di fatto, esiste un gene responsabile della rottura del collagene (in termini pratici, dell’invecchiamento cutaneo). Questo gene è attivato dai raggi UV!

I ricercatori hanno evidenziato come i raggi UV-A1, esattamente come gli UV-B, sbloccano questo gene. Una volta sbloccato, il processo della degradazione del collagene diventa autoperpetuante. Cosa abbiamo come risultato?

-      Pelle sottile

-      Pelle fragile

-      Rughe

 

Maggior esposizione significa maggior danno: la degradazione del collagene diventa più massiccia, cioè la melanina che viene prodotta durante l’esposizione solare non blocca l’attivazione del gene responsabile della rottura del collagene.

 

Quindi, anche se l’abbronzatura protegge da alcuni tipi di danno solare, non protegge dall’invecchiamento cutaneo!

 

E’ importante sapere che gli UV-A1 hanno alcune caratteristiche particolari:

-      Appartengono allo spetto solare più intenso e identico nell’arco di tutta la giornata e anche tutto l’anno.

-      Penetrano attraverso il vetro.

-      Molti prodotti di protezione solare non li bloccano.

Cosa dobbiamo fare allora?

Ci sono 2 ingredienti che la FDA ha approvato come efficaci nel bloccare gli UV-A1:

-       ossido di zinco

-      avobenzone (nome commerciale Parsol 1789).

Il primo è un comune filtro fisico che lascia la patina bianca sulla pelle.

Il secondo è un filto chimico abbastanza sicuro, ma solo se è presente in quantità non superiore al 5%.

 

Quindi, se vogliamo conservare la pelle giovane più a lungo possibile, dobbiamo applicare una crema solare con filtri antiUV-A a largo spettro. La mia opinione è che quelli a base di ossido di zinco sono i migliori ed i più stabili. Oltrettutto, l’industria farmaceutica negli ultimi tempi s’è adoperata a renderli meno sgradevoli cosmeticamente.

Alla fine, cosa ci guadagniamo a utilizzare un filtro solare appropriato ogni giorno?

Sicuramente avremo meno:

-      rughe;

-      pelle sottile;

-      macchie solari da invecchiamento;

-      macchie da rottura dei piccoli capillari sugli avambracci (così caratteristiche dopo una certa età);

-      colorazione rosso-brunastra intorno al collo (eritropoichiloderma di Civatte);

-      rughe del decolletè (solo per le donne).

Tutto ciò è dovuto alla degradazione del collagene!

Per ulteriori informazioni potete contattarmi personalmente come sempre!

Poleva facebook icon
Poleva linkedin icon