• Dermatologia Medica

    Dermatologia Medica

    Diagnosi e trattamento
    delle patologie della pelle degli adulti

    Read more

  • Dott.ssa Irina Poleva

    Dott.ssa Irina Poleva

    Specialista in Dermatologia
    e Malattie Veneree

    Read more

  • Dermatologia Chirurgica

    Dermatologia Chirurgica

    Trattamento di iperidrosi ascellare
    e palmare con tossina botulinica

    Read more

  • Dermatologia Medica

    Dermatologia Medica

    Diagnosi e trattamento
    delle patologie della pelle degli adulti

    Read more

  • Dermatologia Pediatrica

    Dermatologia Pediatrica

    Diagnosi e trattamento delle patologie
    della pelle dei bambini

    Read more

Poleva mapSTUDIO MEDICO PORTA PIA
Piazzale di Porta Pia 116, 00198 Roma

Tel 0644250068
Cell 338.8473415


Per fissare un appuntamento
chiamare dalle 10 alle 18
dal lunedi' al venerdi'

Poleva facebook icon Poleva linkedin icon

Ritorno sull'argomento: i fili di sospensione Aptos

Poco più di 6 mesi fa vi avevo parlato per la prima volta dei fili di sospensione Aptos, subito dopo il mio viaggio in Georgia dove ho conseguito il titolo dello specialista certificato nell’utilizzo dei fili riassorbibili Aptos. L’azienda Aptos è stata la prima nel lontano 1996 ad introdurre sul mercato, inizialmente russo, ma ora su quello di altri 48 paesi, il concetto di lifting non chirurgico. Inizialmente si trattava di fili si sospensione permanenti, non riassorbibili, ma dal 2010 l’azienda ha lanciato, dopo anni di studi preclinici, una nuova linea di fili biostimolanti riassorbibili Aptos.

Ritorno all’argomento dopo un altro corso, questa volta in Italia a Firenze, dedicato al perfezionamento delle tecniche di inserzione dei fili Aptos. Col piacere ho rincontrato il dott. Constantin Sulamanidze (siamo insieme sulla foto accanto), uno dei figli dell’ideatore della metodica, il quale mi aveva già insegnato una parte delle tecniche a Tbilisi. La giornata è passata velocemente tra l’osservazione dei casi clinici trattati e lo scambio di opinioni con i colleghi sui fili di sospensione. Ogni volta si impara qualcosa di nuovo, anche perché la metodica Aptos è unica proprio per la possibilità di essere applicata per ogni paziente in modo personale.

In questo post vorrei descrivere un po’ più approfonditamente una linea di fili Aptos che si chiama Nano. La linea Nano è composta da 2 tipologie di fili: Nano Vitis e Nano Spring.

In questo caso non si tratta di fili di trazione né di effetto lifting. Entrambi i tipi di fili Aptos Nano sono riassorbibili e biostimolanti grazie al graduale rilascio di acido polilattico.
I Nano Vitis sono composti di 2 filamenti intrecciati, mentre i Nano Spring sono delle spirali  mobili. Vengono inseriti nelle zone dove abitualmente facciamo infiltrazioni di acido ialuronico (per sostenere gli angoli della bocca, stendere le pieghe naso-geniene oppure le rughe della fronte). Allora qual è il vantaggio (visto che il loro costo è leggermente superiore ad una fiala di acido ialuronico di buona qualità)?
Beh, chi ha usato l’acido ialuronico spero concorderà con me su quello che elenco: 1) infiltrato sotto le rughe d’espressione tende a spostarsi riducendo l’effetto della correzione inizialmente ottenuta; 2) se depositato non profondamente risulta visibile sotto alcuni tipi di luce in forma di macchie un po’ bluastre (effetto Tyndall); 3) la durata della correzione è di pochi (4-8) mesi.
I fili Nano 1) non si spostano, anzi, dopo circa 3 settimane dall’impianto tendono ad allargare la treccia aumentando ulteriormente la correzione e integrandosi perfettamente con i tessuti circostanti; 2) non sono visibili alla luce in quanto non sono fatti di un gel, ma di filamenti intrecciati; 3) danno una correzione duratura (oltre 1 anno).
La versione dei fili Nano Spring oltretutto, essendo a forma di spirale, è particolarmente adatta alle zone mobili del volto (angoli della bocca) dove cambiano la loro lunghezza assecondando l’espressività naturale.
In pratica, se prima io non trattavo mai le rughe orizzontali della fronte per prevenire gli antiestetici accumuli di acido ialuronico, ora le posso trattare con i Nano Vitis. Se prima la zona perioculare era off-limit per il rischio di creare effetto Tyndall, ora posso correggerla con i Nano Vitis. Se prima per risolvere le piccole rughe sulle guance dovevo fare alcuni mesi di biostimolazione, ora posso usare i Nano Spring e migliorare l’aspetto della pelle in una seduta.
Cosa ne pensate? A me sembra un piccolo vantaggio per tutti: per me, in quanto possiedo una metodica poco invasiva, sicura e discreta in più, per i miei pazienti, in quanto possono migliorare con maggior efficacia i piccoli, ma fastidiosi inestetismi in modo naturale ed invisibile per gli altri.


Contattatemi pure per ulteriori informazioni.

Poleva facebook icon
Poleva linkedin icon